lunedì 16 maggio 2016

Recensione - IL MIO LATO PROIBITO di Pamela Boiocchi e Michela Piazza

Oggi vi presento il romanzo breve di Pamela Boiocchi e Michela Piazza, autrici che stimo moltissimo e che ho imparato ad apprezzare con i precedenti lavori.
Oggi tornano a trovarmi con una nuova opera dal titolo "Il mio lato proibito", edito da Delos Digital.









SINOSSI: Elisa è gentile e affidabile, ma si sente oppressa dai doveri; Juan è scanzonato e seducente, ma nasconde un segreto. Coinvolti in un'avventura che li condurrà attraverso le meraviglie del Costarica – calde pozze termali sperdute nella foresta, vulcani attivi e nidi di tartarughe – Elisa e Juan impareranno a lasciar cadere ogni difesa e ad ammettere che gli opposti si attraggono.  Una storia romantica e sensuale che invita a riscoprire e ad assaporare la parte selvaggia che si cela in ognuno di noi.

DOVE TROVARLO: https://www.amazon.it/dp/B01FGU86Q8/ e nei maggiori Store Online









Elisa lavora come contabile, è una donna metodica e organizzata che non lascia nulla al caso. Il punto di svolta arriverà con una vacanza in Costa Rica quando l'amica, che avrebbe dovuto accompagnarla, declina all'ultimo minuto a causa del nuovo fidanzato.
La ragazza decide di concedersi lo stesso un po' di riposo, ma non ha fatto i conti con il destino. Nel paradiso di sole, mare e sabbia incontrerà Juan, una seducente guida, che le farà scoprire le meraviglie di quella terra e non solo.
Da subito, l'attrazione tra i due è palese e non sarà facile soffocarla. Basta una gita in barca per far accendere la scintilla, ma Elisa ha paura di amare e Juan nasconde dei fantasmi che ancora lo fanno soffrire.
Cosa ha in serbo il destino per loro? Un'avventura destinata a morire con il sole al tramonto o una passione che può trasformarsi in qualcosa di più concreto?

Partiamo come sempre dall'ambientazione, la cornice del Costa Rica accende la curiosità nel lettore e trasmette un senso di pace, ci si lascia avvolgere dal sole che pizzica la pelle e seguiamo i protagonisti nella foresta pluviale, incantati dalle ricchezze del Paese. Le autrici non si sono limitate a inventare un contorno più o meno credibile, ma sembrano aver toccato con mano quei luoghi e disegnano con abili pennellate il clima sensuale ed esotico che li caratterizza. Non siamo di fronte a un romance che utilizza una vacanza come pretesto per far sbocciare l'amore, ma conosciamo realmente il Costa Rica, al punto tale da istillare in noi la voglia di prendere l'aereo e partire. 




 
'Quello non era il mondo reale, era esattamente il contrario: quella era la sua pausa dalla quotidinità, dalle responsabilità, dall'assennatezza. E se un costaricano voleva mangiarla con i suoi magnetici occhi - verdi? Nocciola? Ancora non era riuscita a stabilirlo - lei sarebbe stata al gioco.





La caratterizzazione dei personaggi, nonostante la brevità del testo è completa. Elisa è la classica ragazza tuttofare, abituata a rispettare le scadenze, a impegnarsi al massimo, relegando la propria vita privata nel dimenticatoio. Non è una donna che si lascia andare e la vacanza si dimostrerà terapeutica per lei, sarà qualcosa che non si aspetta e che, forse, metterà in discussione la sua vita.
Juan è il protagonista maschile, attraente e sensuale, convincente con il suo gergo che alterna vocaboli spagnoli all'italiano. E' un uomo che nasconde un animo romantico, capace di compiere gesti d'amore non indifferenti e che la vita ha messo alla prova.
Mi ha colpito il realismo del POV di Juan; le autrici sono riuscite magnificamente a entrare nell'animo maschile e a renderlo al meglio, senza infiorarlo di inutili emozioni e azioni che non farebbero parte del cervello di un uomo. Juan non ha peli sulla lingua nel dire la verità a una donna, nell'ammettere che il primo impulso, con Elisa, è stato quello di volerla portare a letto.

L'ironia è un altro elemento che caratterizza il romanzo, esternata con scene divertenti che fanno sorridere e potrebbero essere plausibili: come dimenticare i turisti che scattano foto prorio mentre i protagonisti si lasciano coinvolgere da un bacio appassionato? Ho trovato questa scena credibile e molto in linea con la veridicità del testo.
L'erotismo è palpabile ma non è portato all'eccesso, le scene di sesso sono presenti ma ci mostrano il coinvolgimento e non un puro atto meccanico. Il desiderio è contrapposto alla ragione e, a volte, supera la carnalità per giungere a qualcosa di infinitamente più grande.
Le tematiche affrontate sono: la rinascita, il destino, l'imprevisto, il colpo di fulmine, la passione, la paura d'amare e la lealtà. Il messaggio che arriva al lettore forte e chiaro è quello di volersi bene e di amare prima di tutto se stesso; solo in questo modo riuscirà a essere una persona in grado di donare amore anche al compagno.







'Sei arrivato come una sorpeea, come un tornado. Hai cancelato il mio pudore e la mia timidezza e mi ha fatta sentire... viva. Mi hai fatto ricordare chi sono e che non bisogna seguire sempre la testa, ma che qualche volta bisogna dar retta all'istinto... e concedersi qualche pazzia.'






"Il mio lato proibito" è la storia di un viaggio che si rivelerà essere la chiave per cambiare e ritrovare se stessi. Una donna in rinascita, un uomo deluso dal passato e, sullo sfondo, la magia esotica del Costa Rica. Un'avventura tra incanto e bellezze di una terra che si dimostrerà la risposta per tornare a sperare in un domani migliore, perchè non è mai troppo tardi per sognare.
Consigliato agli amanti del romance con sfumature erotiche, dei romanzi in cui una vacanza può cambiarti la vita; consigliato a chi ama il Costa Rica e vuole ritrovare le sue sensazioni tra le pagine, ai romantici e ai sognatori.

'Era decisa a portarsi a casa tutto ciò che di bello aveva scoperto in quella vacnza ... Non avrebbe scordato mai più che anche lei possedeva un lato probito.'


2 commenti:

  1. Grazie, Linda! Come sempre le tue recensioni sanno cogliere i punti chiave del testo e le tue parole scaldano il cuore

    RispondiElimina